News

Calcio e Judo: insolito connubio

Per il settimo anno consecutivo il Judo Club Gattinara ha organizzato

l’ormai tradizionale ritiro agonistico della Dojo Equipe Bologna e del gruppo di “Atletiinrete” che si è tenuto presso il palazzetto dello sport di Varallo, divenuta oramai a tutti gli effetti la “Città del Judo”.

Sotto la direzione tecnica del M° Paolo Natale oltre 150 atleti hanno calcato i 520 mq di materassina, svolgendo un intenso lavoro di preparazione tecnico ed atletico.

Presenti al ritiro diversi atleti medagliati ai recenti campionati italiani, oltre a Giulia Cantoni, in piena corsa olimpica e in preparazione all’African Open di Tunisi, alla campionessa europea under 21 per la categoria 44Kg Michela Fiorini del Centro Ginnastico Torino e ai campioni italiani under 21 Lorenzo Soverini e Ares Zanella della Dojo Equipe Bologna.

Gradito il ritorno del M° Laura Di Toma, presidente del Dojo Equipe Bologna, che ha tenuto un clinic sulla metodologia di allenamento giovanile, molto apprezzato dai tecnici presenti.

Novità assoluta di quest’anno, l’allenamento propedeutico alle cadute tenuto dal tecnico della Dojo Rostand Melaping e rivolto ai calciatori juniores del Borgomanero Calcio, un insolito quanto simpatico connubio tra Judo e Calcio.

Diverse le autorità politiche e sportive che hanno portato il loro saluto ai presenti. Tra tutti ricordiamo il sindaco di Varallo Eraldo Botta, l’assessore allo sport di Varallo Mauro Osti, il sindaco di Gattinara Daniele Baglione, il vicepresidente del comitato regionale FIJLKAM Piemonte Maurizio Innella e il vicepresidente del comitato regionale FIJLKAM Emilia Romagna M° Giuliano Gibertoni. Presente anche il commissario tecnico della Lombardia Ermanno Quaranta.

Al termine dei 4 giorni di ritiro, stanco ma soddisfatto l’organizzatore Gianluca Valeri tecnico del Judo Gattinara che ha dichiarato <

Sono sette anni che organizzo questo ritiro e finalmente i risultati cominciano ad arrivare. Certo la concorrenza in fatto di stage è alta e ci dobbiamo misurare con realtà molto più grandi della nostra ma le 330 presenze alberghiere nei 4 giorni di stage sono un numero importante per una cittadina come Varallo ed il nostro territorio della Valsesia. Tutto questo puntando più sulla qualità del lavoro svolto che sulla presenza di nomi altisonanti nel campo del Judo>>.

Borgomanero – Caronnese 1-2

Borgomanero: Strukelj, Adami, Losi, Francoli, Barbetta, Barabino, Greco (12′ st Maggi), Di Lernia, Ortolini (35′ st Bottone), Piantoni, Lattari (26′ st Rogora).

A disposizione: Di Pierri, Pellich, Kjeremateng, Rota, Carrara.

Allenatore: Rotolo.

Caronnese: Del Frate, Testini, Lanini, Baldan, De Spa, Rudi, Martino (40′ st Niesi), Guidetti, Moretti (26′ st Corno), Barzotti, Giudici L..

A disposizione: Mercuri, Caverzasi, Galli, Tanas, Sansonetti.

Allenatore: Zaffaroni.

Arbitro: Sig.ra Piriatore di Bologna

Marcatori: 18′ pt Guidetti, 23′ st Barzotti, 26′ st Barbetta.

Vallée D’Aoste-Borgomanero 1-0: Tabellino e cronaca

Vallée D’Aoste: Scarpelli, Sako, Roncari, Salese, Del Duca, Sbardella, Kambo (32′ st Peveri), Gerbaudo, Orlando (43′ st Bonomo Garcia), Casimirri, Jeantet (40′ st Calabrese).

A disposizione: Amato, Grenier, Giordano, Sapienza.

Allenatore: Erbetta.

Borgomanero: Strukelj, Adami, Losi (31′ st Maggi), Rota (22′ st Kyeremateng), Barbetta, Bellich (20′ st Rogora), Greco, Di Lernia, Ortolini, Piantoni, Lattari.

A disposizione: Di Pierri, Andrico, Bottone, Carrara.

Allenatore: Rotolo.

Arbitro: Testi di Livorno.

Assistenti: Nista di La Spezia e Cogozzo di Chiavari.

Reti: 1′ Sbardella.

Un gol di Sbardella nel primo minuto di gioco ha rovinato in partenza la giornata al Borgomanero e spento il sogno di una clamorosa rimonta. Sotto una nevicata che col passare dei minuti si è fatta sempre più fitta, i padroni di casa hanno avuto il merito di sbloccare subito il risultato per poi subire per il resto della partita. Questo purtroppo è l’ennesimo gol subito nei primi minuti del match da parte del Borgomanero, che, anche ieri, dopo essere passato in svantaggio, ha iniziato a macinare gioco e costringere gli avversari nella propria trequarti. La squadra, pur tenendo il possesso della palla, fa fatica a creare palle gol nitide, e le poche create non vengono sfruttate a dovere. In alcuni casi, anche la sfortuna ci ha messo lo zampino.

Ultimo turno

Classifica

 
 
 
 
 
 
 
 
contatore presenze sito